x Come molti siti, utiliziamo i cookie per offrirti un'esperienza d'uso migliore. Scopri i dettagli

PROTOCOLLO DI LEGALITÀ

La struttura organizzativa

Parte generale

Art.1 – Finalità

La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, quale Ente ascrivibile al III comma dell’art.2bis del D.Lgvo 33/2013 non è soggetto alla formazione del P.T.P.C.
La Fondazione, tuttavia, intende integrare la condotta propria e/o dei dipendenti e dei collaboratori al rispetto della legalità.
Il presente protocollo di legalità risponde all’intendimento enunciato nel precedente capoverso e tiene positivamente conto dei suggerimenti dati da ANAC al punto 3.3 del P.N.A. approvato con Delibera 3/8/2016 n.831.

Art.2 – Principali attività svolte

Si riportano le principali attività svolte da Fondazione, ai sensi dello Statuto:

  • riabilitazione di carattere ospedaliero post acuzie;
  • riabilitazione di alta specialità;
  • riabilitazione di carattere extra ospedaliero;
  • attività multispecialistica ambulatoriale;
  • assistenza in regime di ricovero e domiciliare a malati terminali e con gravi limitazioni funzionali;
  • assistenza ad anziani e disabili, non autosufficienti o parzialmente autosufficienti;
  • assistenza domiciliare integrata;
  • attività socio-educativa, anche nell’ambito della prevenzione;
  • attività accessoria di carattere ospedaliero;
  • attività di ricerca scientifica applicata nei settori di attività della Fondazione;
  • attività di formazione con particolare attenzione alle tematiche del settore;
  • attività di Solidarietà Internazionale;
  • promozione e valorizzazione del volontariato;
  • iniziative di carattere culturale.

Art. 3 – Misure per la prevenzione delle corruzione

La Fondazione è dotata dal modello di Organizzazione e Gestione di cui al Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n° 231, comprensivo del Codice Etico comportamentale e delle Norme Procedurali relative al Comitato di iniziativa e Controllo.

Art.4 – Obiettivi specifici

Il protocollo intende costituire una misura di contrapposizione al fenomeno della corruzione, con particolare riferimento ai reati di carattere corruttivo contro la P.A.
Intende altresì rispondere all’esigenza di prevenire anche i reati di recente introduzione di corruzione fra privati.
In particolare intende attivarsi per:

  • ridurre le occasioni che alimentano fenomeni di corruzione;
  • aumentare la capacità di scoprire casi di corruzione;
  • istituire un contesto sfavorevole alla corruzione.

Art.5 – Misure atte a prevenire la corruzione

Le misure previste nel presente articolo costituiscono adempimenti obbligatori che debbono essere osservati dai responsabili e dagli addetti ai settori soggetti a rischio corruttivo.

5.1) – Conflitto di interesse

È obbligatoria l’astensione nella partecipazione a provvedimenti in cui il soggetto si trova in condizione di conflitto di interesse rispetto a determinati atti e procedimenti.
I medesimi soggetti sono altresì tenuti al dovere di segnalazione.

5.2) – Rapporti con soggetti collaboranti con la Fondazione
La Fondazione è interessata a mantenere i rapporti coi soggetti che hanno in corso o intendono stipulare rapporti con l’Ente o che intendono operare senza maggiori vantaggi economici di qualunque titolo.
I dirigenti e dipendenti che intrattengono rapporti con terzi (ed in particolare coloro che curano l’affidamento di Contratti di appalto, servizi ed opere e per la fornitura di beni) devono rendere dichiarazione di astensione allorchè esistano rapporti di parentela o rapporti contrattuali privati.

5.3) – Inconferibilità ed incompatibilità di incarichi esterni

Salvo espressa e preventiva autorizzazione della Fondazione, i dipendenti di qualsiasi categoria non possono assumere incarichi retributivi per prestazioni lavorative presso terzi.
È, in ogni caso, vietata l’assunzione di incarichi presso ditte o soggetti che intrattengono rapporti contrattuali con la Fondazione.

Art. 6 – Formazione

È obbligatoria la partecipazione ai corsi di formazione ed aggiornamento indetti dalla Fondazione sui seguenti temi:

  • Modello organizzativo ex D.Lgvo 231/2001;
  • Codice Etico;
  • Protocollo di legalità;
  • Diritto di accesso e pubblicazione atti e documenti limitatamente alle attività di pubblico interesse.

I corsi di formazione iniziale dei soggetti di nuova assunzione devono prevedere anche attività formativa sulle materie indicate nel precedente comma.

Art.7 – Tutela dei dipendenti che effettuano segnalazioni di illeciti

I dipendenti che hanno effettuato la segnalazione di condotte illecite di cui siano venuti a conoscenza in ragione del rapporto che intrattengono con la Fondazione, non subiscono alcuna ripercussione o misure discriminatorie, dirette o indirette.
In particolare la Fondazione garantisce:

  • la tutela dell’anonimato;
  • il divieto di discriminazioni nei confronti di chi ha segnalato illeciti;
  • la previsione che la denuncia è sottratta al diritto di accesso.

È comunque fatta salva la perseguibilità a fronte delle responsabilità per calunnia e diffamazione o di risarcimento del danno illecitamente compiuto.

Parte specialistica

Art.8 – Mappatura rischi

Negli articoli che seguono vengono individuate le ipotesi di probabile o possibile accadimento di fatti corruttivi in relazione alla particolarità
dell’attività della Fondazione.

Art.9 – Affidamento di appalti per servizi, opere e per la fornitura di beni

È il settore caratterizzato dalla maggiore esposizione al rischio della corruzione.
Gli Enti privati, in genere, non sono tenuti come avviene per la P.A.- all’osservanza di norme vincolanti nello svolgimento dell’attività
contrattuale,sempre peraltro, nell’ambito di procedure formalizzate e predefinite.
E’ quindi oggettivamente possibile che si verifichino iniziative di tipo corruttivo, al fine di consentire agli appaltatori di ottenere l’affidamento a condizioni agevolate.
Occorre quindi l’osservanza di queste prescrizioni:

  • che ogni affidamento sia effettuato nel rispetto delle procedure di acquisto statuite da Fondazione, ispirate a principi di trasparenza e reale concorrenza che tracciano le modalità secondo cui si definiscono i criteri di interpello di più soggetti; -che non si tratti di soggetti con implicanze mafiose -che i soggetti siano in possesso dei requisiti necessari per il perfezionamento del contratto (ad esempio DURC, Casell Giud, Ufficio Imposte, eccetera)
  • che l’individuazione delle Imprese con cui trattare per lo svolgimento di procedure di gara avvenga con uniforme trattamento dei diversi contendenti;
  • “che lo svolgimento dei rapporti contrattuali avvenga sulla base di capitolati definitivi e non derogabili, fatta salva l’eventuale insorgenza di modifiche contrattuali o varianti in corso d’opera previste da vigente normativa”;
  • che sia disciplinata la procedura di liquidazione e pagamento degli appaltatori;
  • che la regolazione di eventuali maggiori pretese (da valutarsi con verifica tecnico-economica) o di possibili contrasti, possibilmente avvenga sulla base di criteri definiti nei contratti e nei capitolati in forma scritta e in accordo tra le parti;
  • che ogni variazione degli atti di affidamento (contratti capitolati e progetti) deve risultare da atto scritto recante la sottoscrizione sia dell’impresa affidataria, che dell’organo di Fondazione competente. La particolare rilevanza riservata dalla legge alla materia degli appalti è testimoniata dalla precisazione che per i reati di corruzione fra privati si procede su querela della persona offesa, salva l’iniziativa d’ufficio delle questioni relative agli affidamenti di appalti.

Art.10 - Formazione di provviste ai fini dell’atto corruttivo

Nelle Associazioni e Fondazioni è ricorrente l’apporto liberale di privati (donazioni, eredità, contributi, offerte, ecc.).
Sussiste il rischio che detti importi non strettamente collegati al finanziamento di specifici servizi siano accantonati per un utilizzo non direttamente collegato alle attività svolte e al miglioramento delle prestazioni rese.
I proventi derivabili da tali liberalità devono essere esclusivamente vincolati e destinati alle sole finalità istituzionali.

Art.11 - Selezione ed assunzione di personale

L’assunzione di personale va effettuata, tanto nella fase della selezione, quanto in quella dell’attribuzione, in termini di stretta coerenza col fabbisogno e con le risultanze attitudinali.
E’ da evitare l’assunzione di soggetti eventualmente dovuta alle sollecitazioni del soggetto corruttore.

Art.12 - Sconti o riduzioni a favore del soggetto corruttore

Eventuali riduzioni alle tariffe per servizi e prestazioni sanitarie e non vanno correlate a giustificazioni generali e formalmente predeterminate da specifica normativa regolamentare.

Art.13 - Omaggi e sponsorizzazioni a favore del corrotto

Va evitata l’effettuazione di donazioni al corrotto salvo omaggi di tipo tradizionale di modesta entità in occasione di particolari festività.

Art.14 - Lista d’attesa e misure a favore degli ospiti

È ricorrente l’ipotesi di liste di attesa per l’accesso a determinate prestazioni o servizi.
L’evasione delle liste d’attesa va effettuata secondo l’ordine cronologico delle domande, secondo oggettive ed accertate emergenze od urgenze, evitando anticipazioni determinate da utilità offerte.

Va assicurata, a tutti gli ospiti ed assistiti dalla Fondazione, la piena osservanza delle regole previste dalla Carta dei Servizi.
È fatto divieto di chiedere od ottenere utilità personali ai fini del migliore trattamento delle misure assistenziali.

Art.15 - Assegnazione di incarichi di consulenza

Va effettuata in relazione ad oggettive necessità e sulla base esclusiva della valutazione dei parametri di affidabilità e di competenza.

Art.16 – Codice Etico

Eventuali trasgressioni del Codice Etico vanno elevate ad illecito disciplinare.

Art.17 Scansione temporale degli adempimenti

Il presente Protocollo di legalità viene approvato dal Consiglio di Amministrazione di Fondazione.
Fondazione provvede a diffondere i contenuti del presente protocollo di Legalità al Suo interno e a pubblicarlo sul sito aziendale dopo l’approvazione del Consiglio di Amministrazione.

Art.18 Monitoraggio e aggiornamenti

Il presente Protocollo di Legalità è soggetto a rivisitazione da parte di Fondazione decorsi 12 mesi dalla sua approvazione, fermo restando che eventuale produzione normativa in quanto applicabile, e modificazioni delle attività e della organizzazione rilevanti ai fini della prevenzione della corruzione e della trasparenza, andranno tempestivamente recepite.