Logo Don Gnocchi e numero Verde

Dona ora

Una donazione può cambiare una vita
21 / lug / 2017

Di parole, di promesse, di filosofie, di piani di ricostruzione e di conferenze ne abbiamo fatto una sbornia solenne.#pilloledongnocchi

Il santuario e il museo del beato oggi sono visitabili con un clic

 

Santuario e museo don Gnocchi

Un tour virtuale al santuario del beato don Carlo Gnocchi e all’annesso museo alla memoria del “papà dei mutilatini”. Il tutto grazie a un’applicazione multimediale che simula un vero e proprio percorso fruibile dal visitatore da casa propria o da qualsiasi luogo, con i propri tempi e secondo i propri desideri. Con approfondimenti su singoli oggetti, grazie a schede e contributi fotografici, testuali e audiovisivi. La visita virtuale è fruibile anche con i più diffusi visori 3D: un’esperienza davvero affascinante e coinvolgente.

Per visitare il santuario e il museo non occorrono particolari strumentazioni o programmi sofisticati: è sufficiente disporre di un computer, o di uno smartphone, con accesso alla rete internet e collegarsi all’indirizzo santuarioemuseo.dongnocchi.it.


Qui si possono trovare le istruzioni necessarie e con estrema semplicità ci si può muovere all’interno del santuario che custodisce le spoglie mortali del beato don Gnocchi e del museo dove sono conservati gli oggetti a lui cari: dalla Fiat Topolino alla motocicletta Guzzi, perfettamente conservate; dagli scarponi e dal cappello alpino utilizzati nella campagna di Russia, al frammento di altarino di campo sopravvissuto alla tragica ritirata; dall’agendina personale alla macchina per scrivere, dalle pagelle scolastiche alla patente di guida, dal crocefisso regalatogli dalla mamma alle medaglie guadagnate sul campo, dal calice della Prima Messa al breviario, fino ai testi con gli appunti personali, alle lettere più significative tra le migliaia scritte nel corso della sua vita, alle foto più belle ad immortalare i capitoli di un’avventura terrena straordinaria...

Per rendere ancora più emozionante la visita è possibile ammirare il complesso del santuario e del museo accanto al Centro IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano dal volo di un drone. Un’ascensione che consente di ammirare la panoramica del sito in cui sorge questo storico luogo di assistenza e di preghiera: si possono vedere lo skyline della città, le montagne in lontananza e lo stadio nelle immediate vicinanze. Il volo si conclude proprio all’ingresso del santuario: il tour virtuale può così cominciare.

Il progetto è un’iniziativa promossa dal Servizio Comunicazione della Fondazione Don Gnocchi, resa possibile grazie al contributo della Fondazione Cariplo.

Il santuario e il museo si trovano a Milano, in via Capecelatro 66 (M5 – San Siro Ippodromo).
Sono aperti tutti i giorni, dalle ore 8 alle 18.
Per visite guidate in loco: 02 40308911 - 02 40308226 - museo@dongnocchi.it

 

Santuario del beato don Gnocchi di Milano
Il santuario del beato don Gnocchi di Milano
Il museo del beato don Gnocchi di Milano
Barra Ultime news
Ecco i robot per la riabilitazione: al via il joint lab Don Gnocchi-IIT

Presentato a Milano l'accordo strategico tra Fondazione e Istituto Italiano di Tecnologia: una sfida che guarda al futuro.

Delpini arcivescovo di Milano, festoso saluto della Fondazione

Attuale vicario generale della diocesi, è stato chiamato dal Papa a sostituire il cardinale Scola. Le sue parole su don Gnocchi.

SIVA, le news dal portale

La newsletter di luglio con le principali novità dal sito della Fondazione dedicato alle tecnologie per la disabilità e l'autonomia.

Famiglie, un forte sostegno grazie ai "ricoveri di sollievo"

Nei Centri della Fondazione sono disponibili degenze temporanee per pazienti fragili, con assistenza e riabilitazione di qualità.

Milano: sport e inclusione, al via il Centro estivo del "Vismara"

Promosso dalla Fondazione Don Gnocchi con Fondazione Milan, dal 3 al 28 luglio coinvolgerà bambini e ragazzi con e senza disabilità.

Milano, il CDI del Centro "Girola" ora è aperto anche nel weekend

L'accoglienza del Centro Diurno Integrato estesa alle giornate di sabato e domenica, a sostegno delle famiglie e dei caregiver.