Logo Don Gnocchi e numero Verde

Dona ora

Una donazione può cambiare una vita
17 / nov / 2017

"Contate su di me". L'arcivescovo di Milano mons. Mario #Delpini, ha visitato il Centro IRCCS "S. Maria Nascente" d… https://t.co/o1UgPp3A2u

Il santuario e il museo del beato oggi sono visitabili con un clic

 

Santuario e museo don Gnocchi

Un tour virtuale al santuario del beato don Carlo Gnocchi e all’annesso museo alla memoria del “papà dei mutilatini”. Il tutto grazie a un’applicazione multimediale che simula un vero e proprio percorso fruibile dal visitatore da casa propria o da qualsiasi luogo, con i propri tempi e secondo i propri desideri. Con approfondimenti su singoli oggetti, grazie a schede e contributi fotografici, testuali e audiovisivi. La visita virtuale è fruibile anche con i più diffusi visori 3D: un’esperienza davvero affascinante e coinvolgente.

Per visitare il santuario e il museo non occorrono particolari strumentazioni o programmi sofisticati: è sufficiente disporre di un computer, o di uno smartphone, con accesso alla rete internet e collegarsi all’indirizzo santuarioemuseo.dongnocchi.it.


Qui si possono trovare le istruzioni necessarie e con estrema semplicità ci si può muovere all’interno del santuario che custodisce le spoglie mortali del beato don Gnocchi e del museo dove sono conservati gli oggetti a lui cari: dalla Fiat Topolino alla motocicletta Guzzi, perfettamente conservate; dagli scarponi e dal cappello alpino utilizzati nella campagna di Russia, al frammento di altarino di campo sopravvissuto alla tragica ritirata; dall’agendina personale alla macchina per scrivere, dalle pagelle scolastiche alla patente di guida, dal crocefisso regalatogli dalla mamma alle medaglie guadagnate sul campo, dal calice della Prima Messa al breviario, fino ai testi con gli appunti personali, alle lettere più significative tra le migliaia scritte nel corso della sua vita, alle foto più belle ad immortalare i capitoli di un’avventura terrena straordinaria...

Per rendere ancora più emozionante la visita è possibile ammirare il complesso del santuario e del museo accanto al Centro IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano dal volo di un drone. Un’ascensione che consente di ammirare la panoramica del sito in cui sorge questo storico luogo di assistenza e di preghiera: si possono vedere lo skyline della città, le montagne in lontananza e lo stadio nelle immediate vicinanze. Il volo si conclude proprio all’ingresso del santuario: il tour virtuale può così cominciare.

Il progetto è un’iniziativa promossa dal Servizio Comunicazione della Fondazione Don Gnocchi, resa possibile grazie al contributo della Fondazione Cariplo.

Il santuario e il museo si trovano a Milano, in via Capecelatro 66 (M5 – San Siro Ippodromo).
Sono aperti tutti i giorni, dalle ore 8 alle 18.
Per visite guidate in loco: 02 40308911 - 02 40308226 - museo@dongnocchi.it

 

Santuario del beato don Gnocchi di Milano
Il santuario del beato don Gnocchi di Milano
Il museo del beato don Gnocchi di Milano
Barra Ultime news
L'IRCCS di Milano in contatto telefonico con i malati di SLA

Grazie al progetto “Keep in Touch”, sarà possibile seguire a distanza il decorso della patologia e i bisogni dei pazienti.

Milano, il nuovo arcivescovo in visita alla Fondazione

Mons, Delpini ha incontrato dirigenti, operatori e pazienti del Centro "S. Maria Nascente". L'abbraccio ai disabili in santuario.

Innovazione in riabilitazione al Festival di "Altroconsumo"

La Fondazione ha partecipato all’evento milanese con uno stand su "Teleriabilitazione domiciliare" e "CareLab".

SIVA, le news dal portale

La newsletter di novembre con le principali novità dal sito della Fondazione dedicato alle tecnologie per la disabilità e l'autonomia.

Firenze, inaugurato il nuovo reparto per bambini

Taglio del nastro il 27 ottobre per la nuova Unità di riabilitazione per gravi disabilità dell’età evolutiva al Centro Irccs “Don Carlo Gnocchi”.

La Don Gnocchi in lutto per la scomparsa del prof. Veicsteinas

Direttore per trent'anni del Centro di Medicina Sportiva dell'IRCCS di Milano, si è spento per l'aggravarsi di una malattia.