Logo Don Gnocchi e numero Verde

Dona ora

Una donazione può cambiare una vita
20 / ott / 2017

Molti si preoccupano di stare bene, assai più che di vivere bene, per questo finiscono anche per stare molto male. #pilloledongnocchi

L'addio al cardinale Tettamanzi, celebrò don Gnocchi "beato"

 

Cordoglio e commozione anche in Fondazione Don Gnocchi per la scomparsa del cardinale Dionigi Tettamanzi, 83 anni, arcivescovo emerito di Milano, avvenuta sabato 5 agosto a Villa Sacro Cuore di Triuggio, dove risiedeva da quando, nel 2011, aveva lasciato il governo pastorale della Diocesi.

Il presidente, don Vincenzo Barbante, il presidente onorario, mons. Angelo Bazzari e il Consiglio di Amministrazione hanno voluto esprimere in un messaggio il dolore dell’intera famiglia della "Don Gnocchi", ricordandone «la grande figura di pastore, guida sapiente e riferimento costante per quanti operano sulle frontiere della sofferenza e della fragilità. Dal cielo insieme al Beato Don Gnocchi continui a sostenerci nel declinare con coerenza il messaggio ideale e operativo lasciatoci in eredità dal nostro fondatore».

Rappresentanti della Fondazione hanno partecipato ai solenni funerali, celebrati martedì 8 agosto in Duomo dal cardinale Angelo Scola.

«La morte di questo uomo amabile ed amato, come l’ha definito Papa Francesco nel suo messaggio - ha detto Scola - non è una sconfitta della vita. Al contrario, ne è la pienezza. La sua morte è una vittoria».

Il cardinale Tettamanzi al rito di beatificazione di don Gnocchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tanti gli appuntamenti significativi per la Fondazione Don Gnocchi che hanno potuto contare sull'affettuosa presenza del cardinale Tettamanzi. In ogni occasione non sono mancate carezze e parole di incoraggiamento e sostegno per malati, disabili e persone sofferenti.

Indimenticabile e preziosa la sollecitudine con la quale l'allora arcivescovo di Milano aveva seguito e accompagnato le fasi decisive del processo di canonizzazione di don Gnocchi, dalla chiusura della sessione straordinaria per l'analisi del presunto evento miracoloso alla solenne celebrazione di beatificazione in piazza Duomo, da lui presieduta domenica 25 ottobre 2009.

«Al mondo moderno - disse nell'omelia il cardinale Tettamanzi - don Carlo augurava un tempo nuovo, un nuovo tipo di umanità; augurava la personalità cristiana, cioè “cristianesimo e cristiani attivi, ottimisti, sereni, concreti e profondamente umani; che guardano al mondo, non più come a un nemico da abbattere o da fuggire, ma come a un (figlio) prodigo da conquistare e redimere con l’amore…”. Sono parole preziose anche per noi: amiamo il nostro tempo; impegniamoci nel nostro mondo; portiamo in tutti gli ambienti della nostra vita le speranze umane e la “speranza grande” che ci viene da Cristo, il vincitore della morte e di ogni male».

L'anno successivo, nel primo anniversario di beatificazione, il cardinale Tettamanzi consacrò la nuova chiesa intitolata al beato don Gnocchi, realizzata dalla Fondazione accanto al Centro IRCCS "S. Maria Nascente" di Milano e poi eretta dal cardinale Scola a santuario diocesano.
 
Leggi l'omelia del cardinale Tettamanzi alla beatificazione di don Gnocchi.

Vai al santuario del beato don Gnocchi.

Leggi le cronache dei funerali e i messaggi di cordoglio.

 

Il rito di beatificazione di don Carlo Gnocchi a Milano il 25 ottobre 2009
Barra Ultime news
Milano: al via i corsi universitari, borse di studio ai poster migliori

Cerimonia di avvio dell'anno accademico alla presenza del rettore della Statale, Gianluca Vago. Premiati sei laureandi.

Innovazione in riabilitazione al Festival di "Altroconsumo"

La Fondazione partecipa all’evento milanese del 4-5 novembre con uno stand sulla “Teleriabilitazione domiciliare” e il “CareLab”.

Firenze, inaugurazione del nuovo reparto per bambini

Il 27 ottobre taglio del nastro della nuova Unità di riabilitazione per gravi disabilità dell’età evolutiva al Centro Irccs “Don Carlo Gnocchi”.

"FILing GOOD", una raccolta fondi per una palestra... speciale

Il progetto protagonista di una campagna per aiutare con il gioco bambini in difficoltà. Si può donare anche con un SMS al 45531.

La Spezia. Dedicazione del Centro a “S. Maria dei Poveri”

La solenne cerimonia venerdì 6 ottobre scorso, alla presenza del Vescovo Mons. Ernesto Palletti e delle autorità cittadine.

SIVA, le news dal portale

La newsletter di ottobre con le principali novità dal sito della Fondazione dedicato alle tecnologie per la disabilità e l'autonomia.